Beauty BodyCare Skincare

#waatbskincare: l’importanza della protezione solare

Benritrovati su Waatb!

Oggi vogliamo portare la vostra attenzione su un tema che ci sta molto a cuore: la protezione solare.

Vi spiegheremo come e perché è tanto importante proteggere la nostra pelle all’esposizione solare, fornendovi indicazioni ed utili consigli che vi aiutino a preservare la vostra salute e la vostra bellezza. Cominciamo!

L’importanza della protezione solare

protezione solare

Come vi diciamo da sempre, proteggere la pelle al sole è importantissimo, e per farlo abbiamo bisogno di applicare un prodotto con Spf su viso e corpo, oltre ad indossare gli occhiali da sole e magari un cappello a falda larga nelle ore più assolate.

L’esposizione della pelle al sole

In commercio esistono moltissime alternative tra cui ci è possibile scegliere, ed un prodotto solare protettivo degno di tale nome deve, per legge, riportare sulla confezione l’indicatore di SPF-SUN PROTECTION FACTOR.

Questo indicatore viene misurato in maniera sperimentale e ci indica la capacità del prodotto di filtrare i raggi Uvb derivanti dal sole. Contrariamente a quanto si pensi, non ci indica assolutamente quanto tempo possiamo esporci al sole, ma soltanto la capacità del prodotto in questione di filtrare i raggi Uvb, quelli ritenuti più dannosi ed aggressivi per la salute della pelle.

protezione solare

In sintesi, maggiore è il fattore Spf, meno raggi Uvb passano. Utilizzando un fattore Spf molto alto- un 50+-, non siamo autorizzati a trascorrere una giornata intera sotto al solleone, e dovremo comunque comportarci responsabilmente, evitando di esporci nelle ore più calde in cui il sole è più intenso-dalle 12 alle 16- e prendendo comunque tutte le precauzioni del caso.

Spf 10, 30, 50, 100: quali differenze?

La Comunità Europea ha stabilito che, su ogni prodotto con fattore di protezione solare in commercio, venga allegata un’etichetta in cui riportare una tabella di riferimento per la scelta della protezione: un Spf tra 6 e 10 è considerata bassa, una tra 15 e 20 è media, una tra 30 e 50 è alta , e una 50+ viene considerata molto alta.

Lo sapevate che un spf 30 blocca il 97% dei raggi UVB?
E che un spf 50 ne blocca invece il 98%?

protezione solare

Fattori di protezione maggiori di 30 non accrescono significativamente la
protezione dai raggi UV; da un SPF 30 ad un 50 non cambia molto in termini di protezione dai raggi UVB e UVA, quello che cambia invece è la quantità di filtri utilizzati nella formulazione.

La Comunità Europea ha inoltre stabilito che è vietato proporre la dicitura “schermo totale” perché, effettivamente, anche con una protezione molto alta, una piccola percentuale di raggi Uvb filtra comunque, e quindi una vera protezione totale non esiste.

Non dimentichiamo i raggi Uva e Uvc!

Anche i raggi Uva non sono da sottovalutare: superficialmente meno aggressivi, se non opportunamente schermati riescono a penetrare in profondità nella pelle, e a causare non solo invecchiamento precoce, ma anche aumentando il rischio di sviluppare tumori della pelle.

Va da sé che nella nostra protezione solare deve essere presente l’indicazione di filtro Uva che ci garantisca un’esposizione sicura ed efficace.

protezione solare

I raggi Uvc sono invece schermati dall’ozono presente nell’atmosfera terrestre. Sono in assoluto i più pericolosi per l’essere umano, ed è nostra responsabilità preservare lo strato di ozono non solo per la nostra salute e sopravvivenza in quanto esseri umani, ma anche per la salute del nostro meraviglioso pianeta, e per il benessere di ogni forma di vita che vi abita.

Guida all’utilizzo della crema solare: come, quando e quanta applicarne

La protezione solare dunque è la nostra alleata per esporci al sole in tutta sicurezza: ma come usarla? Quando applicarla? E quanta dobbiamo metterne?

La crema solare ha bisogno di circa 15/20 minuti per essere assorbita e schermare la pelle dai raggi solari: va da sé che non possiamo applicarla appena prima di esporci, ma dovremmo applicarla prima, dandole modo di assorbirsi per bene. Possiamo scegliere la texture che preferiamo- crema, spray, gel o olio– ma dobbiamo spalmarcela per tempo.

protezione solare

La quantità suggerita dalla Comunità Europea è di circa 30 grammi, che corrispondono a 3 cucchiai abbondanti, da applicare sul viso e sul corpo, per fare in modo che il fattore di protezione indicato sulla confezione svolga efficacemente il suo lavoro.

Per evitare le scottature e mantenere la pelle protetta dovremo quindi applicare il prodotto a più riprese, ovunque ci troviamo-mare, montagna o città.

Ora sapete proprio tutto riguardo alla protezione solare…ma vogliamo comunque regalarvi qualche altra #waatbbeautytips:

  • Utilizzate un prodotto con spf adeguato al vostro fototipo
  • Nel dubbio, scegliete una protezione da media ad alta
  • Evitate di esporvi al sole nelle ore più calde
  • Rinfrescatevi spesso e bevete molta acqua
  • Utilizzate degli occhiali da sole con lenti protettive certificate
  • Applicate uno stick a protezione alta sulle labbra e sui nei
  • Proteggete i capelli con un cappello, ed idratateli con del gel di aloe vera
  • Portate sempre con voi una bomboletta di acqua termale spray per lenire la pelle e rinfrescarvi
  • Alla sera, dopo una doccia delicata, idratate viso e corpo con prodotti lenitivi e rinfrescanti

Speriamo davvero che questo #spiegone vi sia utile!

Per qualsiasi dubbio, domanda o perplessità lasciateci pure un commento o parlatene con noi sul nostro fantastico Gruppo Facebook!

A presto su Waatb!

You may also like...

2 Comments

  1. Marica says:

    Sempre importantissimi gli spiegoni!
    Questo, poi, è un ergomento particolarmente importante sul quale c’è ancora tanta disinformazione. Adesso che ho iniziato ad andare al mare nel weekend sono rimasta stupita dalla quantità di gente dalla pelle fuxia che ho visto. Davvero, sembra che quando si parla di sole e abbronzatura alcune persone davvero non capiscano i rischi a cui si espongono, l’importante è essere abbronzati prima di subito… col risultato poi non solo di brutte scottature, ma di rischiare cose ben peggiori, come un melanoma. Quindi brave, e ben vengano gli spiegoni!

    1. waatb says:

      Grazie perché ci sostieni sempre! siamo davvero felici che ti sia piaciuto l’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *