Lifestyle

#waatblifestyle: operazione decluttering in dispensa

Bentornati su Waatb con un nuovo articolo di decluttering!

Siamo davvero entusiaste di vedere che anche questa tipologia di articoli vi incuriosisce e riscuote il vostro interesse: per noi, infatti, è un divertimento potervi rendere partecipi di come organizziamo e sistemiamo le nostre case.

Chi non vorrebbe vivere in un ambiente pulito, ordinato e funzionale? Guardarsi intorno e vedere una casa pulita, ariosa, luminosa, che ci accoglie al nostro rientro facendoci sentire bene?

Senza cadere negli eccessi o nelle manie, che non sono mai positivi, riteniamo che sia davvero una bellissima opportunità per noi poter condividere con voi questa filosofia di vita. Eh sì, perchè fare decluttering non è solamente “mettere in ordine”, ma è qualcosa di ben più profondo. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Decluttering: una filosofia di vita

Noi di Waatb ci siamo avvicinate al decluttering come naturale conseguenza di un profondo percorso interiore, che comprende anche nuove consapevolezze legate alla vita green, a scelte sostenibili e al desiderio di ritornare alle radici, all’essenziale.

Cosa significa fare decluttering?

Letteralmente, fare decluttering significa eliminare ciò che ingombra, e come per tutte le cose, questo processo pratico, fisico, ci coinvolge direttamente andando a sciogliere paure, attaccamenti, blocchi emozionali e aprendoci al nuovo, al cambiamento, alle possibilità.

Space Cleaning, terapia di benessere

Lo ” space cleaning” è considerato nei paesi anglosassoni una vera e propria filosofia di vita: non si tratta semplicemente di buttare via ciò che non ci serve più.

Si tratta invece di fermarci ad osservare la nostra casa, l’ambiente in cui viviamo e che ci rappresenta di più, e ripulire gli spazi da tutto ciò che non aderisce a ciò che siamo.

Oggetti, abiti, decorazioni, materiali: non ci occorre conservare tutto perchè forse, un giorno, potrebbe tornarci utile. Lo spazio che occupiamo interagisce con noi: se accumuliamo abiti su una sedia, ad esempio, e rientrando in casa troviamo un gran disordine, ci sentiremo sopraffatti e non sarà una bella sensazione. Se invece acquisiamo metodi e abitudini funzionali ai nostri spazi e ritmi di vita, vivremo sicuramente meglio.

Operazione Decluttering in dispensa

Dopo avervi mostrato come abbiamo sistemato il nostro armadio beautymeglio noto come l’armadio delle meraviglie-, oggi è il momento di farvi vedere come abbiamo deciso di sistemare la zona della dispensa.

Uno spazio creato ad hoc, che deve essere assolutamente funzionale, ben ordinato, in cui le cose devono essere facili da vedere e da trovare, ma non solo! Questa operazione di decluttering in dispensa è volta anche ad adottare una alimentazione più sana, che include anche la metodologia del meal prep-di cui però vi racconteremo più avanti!

L’obiettivo era quindi di ottenere uno spazio ben pulito, ordinato, ovviamente organizzato anche in un’ottica green, quindi eliminando il più possibile la plastica in contenitori ed involucri, adottando invece contenitori e barattoli in vetro.

Dispensa ordinata e dal cuore green

Partiamo dalla prima foto, che mostra la situazione di partenza: tante cose, troppe cose, una gran confusione che non permette di avere uno spazio ben organizzato, nè di trovare subito quello che cerchiamo...e dire che quando la fame aumenta, è l’ultima cosa che vorremmo accadesse!

Primo step: svuota la dispensa!

Per prima cosa, svuotiamo completamente la dispensa: tiriamo fuori tutti i prodotti e osserviamoli. Gettiamo via quelli scaduti, e dividiamo per categorie: da una parte i prodotti per la colazione, da un’altra le conserve, insieme al tonno, ai legumi in vetro; da un’altra ancora, tutta la pasta di vario tipo, riso, crackers etc.

Osserviamo la nostra dispensa: quali sono i prodotti che abbiamo fatto scadere? Cosa acquistiamo e consumiamo regolarmente, e cosa invece abbiamo magari acquistato d’impulso, senza poi consumarlo?

Secondo step: una dispensa green

Per passare allo step successivo, per prima cosa puliamo la nostra dispensa: noi abbiamo ovviamente utilizzato un prodotto green in comodo formato spray, Usamix di Verdevero. Vaporizziamolo abbondantemente e poi puliamo con un panno in cotone. Lasciamo asciugare bene.

Poi, selezioniamo i prodotti che vogliamo mangiare con regolarità: in questo caso specifico, l’obiettivo era anche quello di adottare un’alimentazione più sana, più varia e ricca di fibre.

La lista della spesa diventa healthy

Nella lista della spesa sono stati quindi aggiunti cereali vari come orzo, farro, riso integrale, vari tipi di pasta-integrale, di legumi, di grano Senatore Cappelli-, alcuni barattoli di leguni già pronti come ceci, fagioli neri e lenticchie; alcune farine speciali come la farina di cocco, di avena, di riso, di farro, con cui preparare plumcake e brownie .

Alla classica colazione con le fette biscottate, si sono aggiunti dei biscotti ai cereali, ricchi di fibre, e del muesli, pronto da gustare con una tazza di latte vegetale.

Dalla plastica al vetro: l’eco-dispensa

Un altro passaggio importante era quello di organizzare lo spazio eliminando la plastica e utilizzando al suo posto dei capienti barattoli in vetro.

Per fare questo, vi suggeriamo di riciclare quelli che avete, laddove siano abbastanza capienti, oppure di acquistarne di nuovi: il vetro è un materiale ecofriendly, dura a lungo ed è ideale per conservare i cibi, sia secchi che freschi.

Prima di utilizzare i nostri barattoli in vetro per riporre i cibi, laviamoli bene con acqua calda e sapone per i piatti.

All’interno dei nostri bellissimi barattoli in vetro, andremo a riporre tutti i cibi secchi che utilizziamo più spesso: grazie al vetro trasparente, si conserveranno benissimo e sarà davvero facile per noi vedere cosa contengono, e quanto prodotto ci è rimasto da consumare.

Terzo step: decluttering e riordino

Lo step del decluttering potrebbe essere impegnativo: scegliete voi se fare tutto da soli o scegliere qualcuno che possa aiutarvi a selezionare, pulire e sistemare.

A volte anche un gatto può rivelarsi un ottimo aiutante! ;-D (*disclaimer: nessun gatto è stato sottoposto ad assaggio di crocchini scaduti durante questa operazione di decluttering!*)

Non manca molto per vedere finita la nostra operazione, e presto potremo goderci il risultato!

Quarto step: organizziamo la dispensa

Cominciamo quindi ad organizzare la nostra dispensa: nella parte superiore, dividiamo lo spazio attraverso 3 ceste in plastica-che erano già presenti in dispensa, quindi al momento sono state riciclate: in una sistemiamo tutte le farine, gli zuccheri, il lievito per dolci e tutto ciò che occorre per preparare dei dolci squisiti; in quella di mezzo, sistemiamo il sale e le paste speciali-integrale, senza glutine, di legumi; in quella a destra, sistemiamo il resto della pasta.

Poichè la parte superiore della dispensa è piuttosto profonda, si è scelto di non adottare barattoli in vetro per conservare i cibi, ma di mantenere gli involucri originali, per non rendere difficoltoso lo spostamento dei prodotti.

La parte inferiore della dispensa è più capiente: abbiamo quindi organizzato lo spazio riutilizzando la cesta in plastica che c’era anche prima, riponendovi tutti i prodotti in vetro pronti come i legumi, la salsa di pomodoro, il tonno etc.

Sulla zona in fondo, accanto alla cesta in plastica, abbiamo riposto le bottiglie d’olio, nonchè tutte le cose che si usano meno spesso, come se fosse una sorta di piccolo “magazzino” per conservare le cose.

La parte più vicina all’apertura, invece, accoglie le cose che si prendono su base quotidiana: ciò che occorre per la colazione, sulla destra; a sinistra, tutti i cereali, ben organizzati nei barattoli in vetro.

E questo è il risultato finale: a noi è piaciuto tantissimo! Finalmente uno spazio luminoso, funzionale, ben organizzato, dove tutto è facilmente visibile a primo impatto.

Che ne pensate, vi ispira ad organizzare anche la vostra, di dispensa? Noi speriamo di sì! Raccontateci le vostre impressioni nei commenti.

A presto su Waatb!

You may also like...

2 Comments

  1. Marica says:

    Brave ragazze, sempre interessanti questi articoli!
    Adesso manca solo il decluttering dell’armadio!
    E mi interessa anche il discorso del meal prep.

    1. waatb says:

      Mettiamo subito in calendario! Comandi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *